Archivio tag: Gavi

Forte di Gavi
Ministero dei Beni Culturali

TRA PIEMONTE e LIGURIA UN MONDO DA SCOPRIRE

Tra Piemonte e Liguria un mondo di sapori, cultura e tradizioni da scoprire: le dolci colline del Gavi, dove si produce il noto vino bianco docg, il Forte addossato alle colline dove Alpi ed Appennini si fondono e poi la pianura con Novi Ligure, con le strade di Coppi e Girardengo, il cioccolato e tanto altro da scoprire e gustare.

1 giorno: Serravalle Scrivia (scavi di Libarna) – Alessandria
Arrivo e brunch presso una focacceria dove sarà possibile assaggiare la tipica focaccia bianca novese, gli amaretti e un buon bicchiere di Gavi Docg (oppure pranzo in ristorante a Novi Ligure). A seguire trasferimento presso l’antica Libarna, uno dei più importanti siti archeologici del Piemonte dove si potranno ammirare, ancora ben distinguibili, le tracce dell’antico insediamento pre-romano e romano; particolarmente degni di nota i resti di due isolati (una domus conserva un grandioso mosaico), del teatro e dell’anfiteatro. Un centro con connotazione di transito e commerciale lungo la via che collegava Genova ad Aquileia che ha conservato, oltre ai resti di alcune costruzioni, anche un’interessante collezione di reperti rinvenuti durante gli scavi, esposti nell’area museale di Libarna. Al termine trasferimento ad Alessandria cena e pernottamento.

2 giorno: Gavi e Voltaggio
Dopo la prima colazione partenza per Gavi per la visita all’omonimo Forte. (attenzione breve tratto a piedi in salita per raggiungerlo) La fortezza sorge su una rocca naturale a strapiombo sul borgo antico di Gavi, lungo la via Postumia che nell’antichità collegava la Repubblica di Genova al Basso Piemonte (Monferrato) e alla Lombardia e rappresenta un raro e pregevole esempio di architettura militare. Al termine pranzo in ristorante
Nel primo pomeriggio trasferimento a Voltaggio dove sarà possibile ammirare la collezione di opere d’arte sacra della pinacoteca, custodita nella Chiesa e nel Convento Cappuccino del piccolo paese. La Pinacoteca dei Cappuccini di Voltaggio offre una collezione di primissimo piano, opere che vanno dal XV al XVIII secolo di autori liguri, piemontesi e lombardi. Al termine si prosegue la scoperta dei sapori di questa terra al confine tra Piemonte e Liguria con la visita ad una storica panetteria/pasticceria dove si assaggeranno gli amaretti appena sfornati. Durante il ritorno ad Alessandria sosta e visita alla BODRATO cioccolato; si visiterà, così, una delle fabbriche di eccellenza artigiana dove, oltre a capire come viene lavorato il pregiato cioccolato ed i suoi golosi prodotti, si avrà la possibilità di fare acquisti.

3 giorno: Novi Ligure – Tagliolo Monferrato
Dopo la prima colazione trasferimento a Novi Ligure per una passeggiata nel centro storico che saprà darvi emozioni inaspettate: il fascino di questa cittadina, sospesa tra Piemonte e Liguria, vi stupirà con le nobili facciate dipinte delle dimore storiche della nobiltà genovese e  l’apertura in esclusiva del suggestivo Oratorio della Confraternita della Maddalena che vi mostrerà un insieme di tradizione e cultura. Al termine trasferimento al Castello di Tagliolo Monferrato per la visita al Castello e alle cantine e una degustazione di vino Gavi Docg accompagnata da focaccia e salumi.

FINE SERVIZI

LA QUOTA COMPRENDE:

– 2 notti in hotel 4* ad Alessandria, trattamento di mezza pensione, bevande incluse.
– Posto bus riservato
– brunch all’arrivo del gruppo, bevande incluse
– pranzo in ristorante il secondo giorno, bevande incluse
– degustazione in castello, bevande incluse
– Visite guidate come da programma : scavi di Libarna, FD secondo giorno, visita di Novi Ligure e del castello
-Ingressi inclusi
– 1 free ogni 25 paganti

 

Novi e il novese diventano una guida

Durante la presenza del Distretto del Novese all’Italian Makers Village a Milano, sono state ufficialmente presentate due belle iniziative editoriali che vogliamo raccontarvi:

la prima è la nascita di una guida “ Novi e il Novese: guida alla visita del territorio” edizioni Epoké – La Torretta , voluta su iniziativa del Lions Club Novi Ligure in collaborazione con l’Associazione Culturale Novinterzapagina e il Distretto del Novese.  Un’interessante guida che porta alla scoperta del territorio del novese attraverso le sue peculiarità e che indica i “Top 7″ ovvero i sette luoghi assolutamente da non perdere per chiunque decida, turista o non, di imparare a conoscere questa zona dell’Alto Monferrato.
Nello spirito delle attività del Lions, inoltre, “quest’opera non ha il solo fine di fornire indicazioni turistiche, ma anche lo scopo concreto  di aiutare il prossimo, destinando il ricavato della vendita della pubblicazione a favore di iniziative rivolte a disabili.”

La seconda iniziativa è a cura del Distretto del Novese direttamente, realizzata con la nostra collaborazione e riguarda la pubblicazione di una brochure intitolata: “Distretto del Novese Un territorio da scoprire: viaggi su misura nel Novese e Alto Monferrato”.
9 itinerari suggeriti da fare da soli o in gruppo, con le indicazioni delle principali attrattive culturali, artistiche ed enogastronomiche, che noi avremo il piacere di organizzare per voi; grazie alla stretta collaborazione con il Distretto e quindi con “il territorio”, abbiamo la possibilità di far diventare il vostro viaggio una vera scoperta e di farvi incontrare persone e luoghi, anche fuori dalle solite mete.

Se desiderate maggiori informazioni scriveteci pure a: oneiros_viaggi@yahoo.it

Langhe

Tour dei tre vini: Gavi – Asti Spumante – Brachetto

Il Tour dei tre vini è dedicato a chi ama il buon cibo, il buon vino e la scoperta di terre meravigliose

1 giorno: Le terre del Gavi – Asti
Arrivo nelle Terre nel Gavi, pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita guidata al Forte di Gavi: maestosa costruzione situata nel paese omonimo e costruito per difendere la Via Postumia che collegava la Repubblica di Genova e il Basso Piemonte. Al termine sosta in cantina per degustare il “Gavi” o “Cortese di Gavi”, vino DOCG bianco che caratterizza la produzione vitivinicola di queste colline. Trasferimento ad Asti cena e pernottamento

2° giorno Asti / Canelli

Colazione in hotel, e poi mattinata dedicata alla scoperta di Asti, visita guidata della città.
Fino al XIII secolo Asti fu uno dei centri più ricchi del nord Italia in quanto centro strategico di scambi commerciali e bancari. La città sorge sulla riva sinistra del fiume Tanaro ed è inserita nelle colline della fiorente regione del Monferrato, famosa per le sue tradizioni enogastronomiche e le sue bellezze artistiche, ricca di molteplici testimonianze di arte romanica.
Ottimo pranzo in ristorante
Proseguimento per Canelli, patria delle bollicine. Visita alle prestigiose cantine sotterranee, sontuose, solenni, soprattutto uniche cantine di Canelli, tanto da essere state dichiarate dell’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”. Chilometri e chilometri di gallerie e sale che si snodano nelle viscere della collina tufacea su cui sorge il centro abitato, Veri capolavori di ingegneria e architettura custodiscono gli spumanti a una temperatura costante di 12-14 gradi. Degustazione in cantina

3° giorno : Acqui Terme 

Prima colazione in hotel e partenza verso Acqui Terme.
visita guidata della città di Acqui: città con origini romane, si trova sulla sponda sinistra del fiume Bormida e deve la sua fama alle sorgenti di acqua sulfurea che ne hanno fatto una città termale. Per questo motivo una tappa obbligata durante la visita alla città é in P.za della Bollente dove si trova l’edicola marmorea da cui sgorga acqua solfo-bromo-iodica a 75°C. Si prosegue poi con la scenografica salita che conduce al Duomo e con uno sguardo all’antico quartiere della “Pisterna” che da alcuni anni impegna il comune di Acqui in una grandiosa opera di recupero e restauro. Possibilità di inserire una degustazione di “Brachetto” vino DOCG originario del Monferrato dal sapore dolce, morbido e delicato.
OPPURE in alternativa si può effettuare la visita a Villa Ottolenghi progettato a partire dal 1920, è l’unico esempio in Italia di stretta collaborazione tra: architetti, pittori, scultori e mecenati per dare vita alla creazione di una dimora padronale caratterizzata dalla presenza di importanti opere d’arte. Il giardino, progettato nel secolo scorso da Pietro Porcinai, celebre architetto del paesaggio, è stato insignito del prestigioso “European garden Award”, premio che va all’operazione di recupero e rilancio della Dimora storica condotta negli ultimi anni
Ottimo pranzo in Agriturismo sulle colline acquesi.
FINE SERVIZI

SEGUITECI…NUOVI TERRITORI, NUOVI SAPORI, NUOVE ESPERIENZE – la nostra scoperta

Vogliamo raccontarvi la nostra giornata a Novi Ligure e Gavi, martedì scorso.

Vi avvisiamo: non è un racconto istituzionale, ma ciò che vogliamo trasmettere è il piacere dell’esperienza che abbiamo fatto noi, augurandoci di contagiarvi un po’ e di invogliarvi a chiederci di organizzarla per voi!
Noi abbiamo voluto andarci e ci torneremo, perché ci teniamo che le proposte turistiche che proponiamo ai nostri clienti, soprattutto quando si tratta di territori ancora poco conosciuti, siano, certamente fatti di arte e di storia, ma anche di persone, sapori e profumi, perché crediamo che siano gli elementi che trasformano un viaggio in una vera esperienza da raccontare.

La nostra giornata è iniziata alla stazione di Novi Ligure dove Barbara, del Distretto del Novese e Sonia, di Monferrato Gourmet Guide, ci aspettavamo per portarci a vivere un po’ l’Alto Monferrato e a conoscere le persone che ricevono e riceveranno i nostri clienti.
Prima tappa: un immancabile cappuccino e un pezzo di focaccia salata al caffè Novi Excelsior, proprio davanti alla stazione. Avete letto bene… infatti, la tipica colazione novese sostituisce il cornetto con un pezzo di focaccia salata e questo è il primo elemento che ci fa notare quanto siamo vicini alla Liguria!
Poi inizia una, per noi ahimè, veloce passeggiata nel centro storico, accompagnate da una guida che ci illustra i palazzi con le nobili facciate dipinte, che si affacciano sulla centrale Via Girardengo e io scopro che quello che credevo di conoscere, poiché a Novi ero già stata varie volte, in realtà non lo conoscevo per nulla; di colpo spariscono i palazzi anni ’70 che circondano il centro e restano solo i palazzi aulici e la loro storia tutta genovese! Anche l’accento della guida che ci parla ha la cadenza genovese !
Qui siamo in Piemonte geograficamente, ma la storia, fino all’inizio del 1800, è tutta ligure e per noi tutta da scoprire.
Durante la passeggiata una sosta presso l’Oratorio della Maddalena è sicuramente il “culmine scenografico” del nostro tour e lo sarà anche per i clienti che sceglieranno i nostri programmi, però non vi vogliamo anticipare troppo, per non togliere il gusto della scoperta e la sorpresa. L’esterno, molto semplice e dimesso, in realtà nasconde un vero gioiello barocco e nella parte absidale, il richiamo alla cultura dei Sacri Monti, sarà l’elemento che più ci ha stupite e sappiamo vi stupirà!
Il tempo, però, scorre e Sonia, con il suo elegante minibus, ci porta allo showroom e al laboratorio della Bodrato Cioccolato dove Fabio ci accoglie e naturalmente ci prende per la gola, illustrandoci la visita che anche i nostri clienti potranno fare e facendoci assaggiare alcune delle sue prelibatezze. Un cioccolato da intenditori credeteci e se poi pensiamo di abbinarlo, magari ad una buona grappa della Distilleria Gualco di Silvano d’Orba, l’esperienza diventa indimenticabile.
Per il pranzo noi abbiamo scelto di andare al Banco in centro a Novi (ma solo perché in altra occasione avevamo già avuto il piacere di pranzare altrove, uscendone deliziati) e di assaggiare la “panissa” e la “farinata” (la panissa è un piatto tipicamente ligure a base di farina di ceci, totalmente diverso dal suo omonimo piemontese), il tutto accompagnato da un buon bicchiere di Gavi Docg.
E poi via, verso le colline del Gavi in una splendida giornata di sole in cui si vedevano in lontananza le montagne e in primo piano i vigneti innevati, davvero magico!
Siamo andate a conoscere Francesca, titolare dell’Azienda Agricola e B&B “Il Poggio” che, con la sorella, ci hanno raccontato di come, dall’antica cascina di famiglia, sia nata la loro avventura e ci hanno davvero “accolte” nella loro casa, con un racconto che ci ha coinvolto e rese partecipi. Fantastico! Per mezz’ora sono tornata bambina e ai racconti della nonna nella nostra casa, anche lei in campagna e anche lei in queste terre, nella mia Castelnuovo Bormida.
Poi un salto in centro a Gavi, non poteva mancare e nemmeno un saluto a Matteo, dell’hotel Al Castello dove l’anno scorso ho avuto il piacere di soggiornare e di cui non posso dimenticare il delizioso profumo di torta fatta in casa che mi ha accolta un pomeriggio rientrando in hotel.
La nostra giornata ormai volge al termine e lasciamo il territorio dopo aver incontrato Alfonso, marketing manager del famoso resort Villa Sparina (rifugio di Vip, sede prestigiosa per meeting d’affari, ma anche oasi di vero relax per chiunque abbia voglia di fuggire un po’) che, con grande semplicità, ci ha portate alla scoperta di questo luogo che, per quanto possiamo descrivervelo o possiate guardare le foto, non sarà mai come ve lo aspettate. Il resort è ancora chiuso per la stagione invernale, ma l’attività ferve in cantina dove è in produzione l’ottimo Gavi Docg di Villa Sparina e noi siamo partite con l’odore del mosto in fermentazione nelle narici. E chi se lo aspettava?!
E’ stata una bellissima giornata accompagnate da amiche con cui già lavoriamo e in cui abbiamo conosciuto nuovi amici con cui condividiamo la passione per il nostro lavoro e per questo splendido territorio che merita di essere scoperto molto di più.
Grazie a tutti e a presto!

Se volete vedere le foto della nostra giornata le trovate su Pinterest dove siamo presenti come Oneiros Viaggi

ALCUNE NOSTRE PROPOSTE PER UNA GITA SONO :

Novi Ligure terra d’eccellenze

Arquata Libarna e Serravalle

 

 

MONFERRATO MON AMOUR ! Vi invitiamo a scoprirlo…

Monferrato Mon Amour. Visioni di un paesaggio culturale Patrimonio dell’Umanità

PALAZZO DEL MONFERRATO -Alessandria – 4 dicembre 2014 – 15 febbraio 2015.

“La mostra vuole, attraverso la pittura, la scultura e la fotografia, focalizzare l’attenzione sul Monferrato come realtà ambientale dai ricchi valori storici, artistici e culturali, dei quali l’Unesco ha recentemente riconosciuto la singolarità e l’importanza. Inserendo questo territorio nella lista dei siti patrimonio dell’umanità, l’organizzazione delle Nazioni Unite ha contribuito a diffondere nel mondo la conoscenza di questi luoghi, ponendo al tempo stesso le basi per la loro salvaguardia e conservazione.”

Queste le premesse per presentare una mostra che si svolge a Palazzo Monferrato in centro ad Alessandria e che presenta un centinaio tra dipinti, sculture e foto firmate da artisti nazionali ed internazionali che raccontano “il loro Monferrato”.
Moncalvo con un quadro secentesco che rappresenta la Madonna del Santuario di Crea, ma anche Morbelli, Casorati, Schifano, Mondino, Colombotto Rosso, sono solo alcuni dei nomi le cui opere ci raccontano questo angolo di Piemonte così bello e pieno di tradizione di cui tutti esprimono l’amore e che è entrato a far parte della vita di alcuni.
Un’iniziativa che invita a conoscere questa terra e che noi vi proponiamo per trascorrere qualche ora a contatto con il “nostro Piemonte” meno conosciuto e di cui noi piemontesi, per primi, siamo convinti che dobbiamo diventare fieri ambasciatori.

Orario d’apertura al pubblico:
da martedì a venerdì: 16.00 – 19.00
sabato e domenica: 10.00 – 13.00 e 16.00 – 19.00
lunedì: chiuso
Chiuso anche  nelle seguenti giornate: 25 e 31 dicembre 2014 – 1 e 6 gennaio 2015

E se IL MONFERRATO VI HA AFFASCINATO e VOLETE TRASCORRERE UN WEEK END, CON NOI POTETE!

DITECI QUANDO VORRESTE VENIRE e COSA VORRESTE VEDERE e RICEVERETE  la nostra PROPOSTA!

SPECIALE PONTE dell’IMMACOLATA a “DOLCI TERRE”

Il fieristico di Novi Ligure ospita, il 6-7-8 dicembre 2014, Dolci terre 2014, la rassegna delle produzioni dolciarie, vitivinicole e gastronomiche, giunta alla sua XIX edizione, apertura dalle ore 10 alle ore 21.
I visitatori potranno degustare e acquistare il meglio delle produzioni del territorio, come la focaccia novese e la farinata, oppure assaggiare i piatti tipici della tradizione sia all’interno del centro fieristico sia nei ristoranti che proporranno il menu “Dolci Terre”.

Inoltre, a fianco al Centro fieristico, sarà aperto il Museo dei Campionissimi con oltre 3000 mq dedicati ai Campionissimi Coppi e Girardengo e alla bicicletta.

In occasione di Dolci Terre 2014, sarà inaugurato anche il Percorso dei Presepi a Novi. Numerosi diorami sulla Natività saranno ospitati a piano terra dei palazzi dipinti del centro storico e nelle chiese cittadine.

SE VUOI PARTECIPARE RAGGIUNGI NOVI LIGURE IN TRENO CON NOI
(Novi Ligure partecipa al taglio del 20% della CO2 entro il 2020!)
Entro il 30 novembre scrivi a oneiros_viaggi@yahoo.it – dicci in quale giorno intendi partecipare e con treno arriverai e ti invieremo :

• Programma completo delle manifestazioni
• Accoglienza in stazione e ti accompagneremo, con una passeggiata, a “Dolci Terre”
• n.1 voucher valido per partecipare al tour pomeridiano guidato della città tra i presepi e i palazzi dipinti a 1 euro;
• ingresso al Museo dei Campionissimi a prezzo ridotto € 4.00 (gratis per possessori Abbonamento Musei)
• Sconto del 10% sul pranzo presso il ristorante il Bunet (attiguo al padiglione fieristico) oppure presso IL BANCO (per gustare la Farinata, la Panissa o le frittelle di baccalà apprezzate anche da Gualtiero Marchesi; OBBLIGATORIA PRENOTAZIONE ENTRO 30 NOVEMBRE
• 1 VOUCHER per la degustazione GRATUITA di FOCACCIA accompagnata da un bicchiere di GAVI DOCG

E INOLTRE PER I TUOI REGALI DI NATALE in OCCASIONE di DOLCI TERRE:

EDIZIONE LIMITATA sarà possibile acquistare, come “cadeau di Natale”, le CASSETTE DI DOLCI TERRE, confezionate con i prodotti De.Co. del Paniere del Distretto del Novese (disponibili SOLO tramite la prenotazione di cui sopra ed entro il 25/11/2014):

Al costo di 16,50 euro con 250gr di amaretti morbidi di Voltaggio, 250gr di Pastine di Predosa, 250gr di baci di dama di Novi, cartolina per messaggio di auguri, segnalibro e cassettina di legno piemontese;

Al costo di 16,50 euro con 500 gr di Canestrelli al Gavi o bolliti, 250gr di Pastine di Predosa, 250gr di baci di dama, cartolina per messaggio di auguri, segnalibro e cassettina di legno piemontese;

Al costo di 13,50 euro con 1/2Kg ceci della merella, 1/2Kg canestrelli al gavi o bolliti, 250 gr di amaretti morbidi di Voltaggio, le ricette tipiche con i ceci, cartolina per messaggio di auguri, segnalibro e cassettina di legno piemontese;

Al costo di 13,00 euro con 1/2Kg ceci della merella, 1/2Kg di farina di mais ottofile tortonese prodotto a Merella, 2 birra artigianale di Pasturana da 33 cc, le ricette tipiche con i ceci e il mais, cartolina per messaggio di auguri, segnalibro e cassettina di legno piemontese.