Archivio tag: Turismo Torino

stazione-alta-velocita

Da Sud a Nord: Torino in treno Alta Velocità – 3gg

Torino è ben collegata dai treni ad Alta Velocità e un week end lungo è possibile in tutta comodità anche per gruppi che arrivano da più lontano.

GIORNO 1
Arrivo con treno Alta Velocità alla stazione di Porta Nuova in mattinata, deposito bagagli in hotel attiguo. Incontro con la guida in hotel e inizio della visita del centro storico a piedi: da piazza Carlo Felice a piazza San Carlo, il nostro bel salotto cittadino, con le sue chiese “gemelle” ed i caffè storici sotto i portici. Proseguimento verso  Piazza Castello, circondata da antichi edifici barocchi come  Palazzo Reale,  palazzo Madama e la Chiesa di San Lorenzo, considerata una delle trecento chiese più belle al mondo. Sosta per il pranzo libero. Pomeriggio proseguimento delle visite lungo la porticata via Po, piazza Vittorio, per raggiungere la Mole Antonelliana, simbolo “verticale” della città! Sosta golosa in elegante caffè storico per degustare una buona “merenda reale” , con tradizionale “bicerin” torinese servito insieme ad altre deliziose bontà della tradizione piemontese. Rientro in hotel, cena  in ristorante attiguo, pernottamento in hotel.

GIORNO 2 :  UN GIORNO A CASA SAVOIA
Colazione in hotel, appuntamento con la guida ed il bus privato. Breve trasferimento a Venaria Reale  per la  visita della Reggia dei Savoia, grandioso complesso alle porte di Torino con 80.000 metri quadri di edificio monumentale e 50 ettari di giardini, è un capolavoro dell’architettura e del paesaggio, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’ Unesco nel 1997 e aperto al pubblico nel 2007 dopo essere stato il cantiere di restauro più rilevante d’Europa per i beni culturali.  Pranzo in ristorante. Trasferimento in bus alla Palazzina di Caccia di Stupinigi, edificata a partire dal 1729 su progetto di Filippo Juvarra, è sontuosa e raffinata dimora prediletta dai Savoia per feste e matrimoni durante i sec. XVIII e XIX, nonché residenza prescelta da Napoleone nei primi anni dell’800. Agli inizi del XX secolo è scelta come residenza dalla Regina Margherita e dal 1919 è anche sede del Museo dell’ArredamentoRientro in hotel, cena in ristorante e pernottamento

GIORNO 3
Colazione in hotel, incontro con la guida e visita del Museo Egizio, l’unico con quello del Cairo, dedicato esclusivamente all’arte ed alla cultura dell’Egitto antico. Molti studiosi di fama internazionale, a partire dal decifratore dei geroglifici egizi, Jean-François Champollion, che giunse a Torino nel 1824, si dedicano da allora allo studio delle sue collezioni, confermando così quanto scrisse Champollion: «La strada per Menfi e Tebe passa da Torino». Pranzo libero. Eventuale tempo libero, ritiro bagagli in hotel e partenza.

 

LA QUOTA COMPRENDE:

  • 2 notti in ottimo hotel 3*centralissimo, stanze doppie con servizi, trattamento di HB, bevande incluse ( Ristorante  non  interno, ma attiguo)
  • 1 pranzo bevande incluse
  • Prenotazioni obbligatorie e a pagamento al Museo Egizio (euro 10,00a gruppo) + Reggia di Venaria (euro 15,0o a gruppo) + Palazzina di Stupinigi
  • Torino card valida per tutti i musei in programma
  • Merenda Reale in caffè storico
  • Guida locale  abilitate per tutte  le visite in programma
  • Bus per l’escursione Reggia/ stupinigi
  • Tassa di soggiorno comunale (euro 2,80 a notte)
  • Nostra assistenza
  • 1 free ogni 25 paganti

LA QUOTA NON COMPRENDE: 

  • Eventuale salita con ascensore alla terrazza panoramica della Mole Antonelliana
  • Il treno
  • Le assicurazioni
  • Tutto ciò che non è menzionato nella “quota comprende”

QUOTA DI PARTECIPAZIONE
CON  HOTEL *** CENTRALISSIMO . Comodissimo alla stazione di Porta Nuova e per i giri a piedi a partire da € 272,00 A PERSONA in camera doppia
SUPPLEMENTO SINGOLA : EURO 25,00 a notte a persona

 

Treni

TORINO WEEK END in ALTA VELOCITA’ – 2gg

Torino week end in Alta Velocità perché è comodamente raggiungibile da Sud e da Est, poche ore ti separano … dalla Storia!

programma da 2 GIORNI  tra FEBBRAIO e MARZO 2019

Giorno 1
Arrivo alla stazione di Porta Nuova in mattinata, deposito bagagli in hotel attiguo. Incontro con la guida in hotel e inizio della visita del centro storico a piedi: da piazza Carlo Felice a piazza San Carlo, il nostro bel salotto cittadino, con le sue chiese “gemelle” ed i caffè storici sotto i portici. Proseguimento verso Piazza Castello, circondata da antichi edifici barocchi come  Palazzo Reale,  palazzo Madama e la Chiesa di San Lorenzo, considerata una delle trecento chiese più belle al mondo. Sosta per il pranzo libero
Pomeriggio proseguimento delle visite lungo la porticata via Po, fino a piazza Vittorio, per raggiungere la Mole Antonelliana, simbolo “verticale” della città! Sosta golosa in elegante caffè storico per degustare una buona “merenda reale” , con tradizionale “bicerin” torinese servito insieme ad altre deliziose bontà della tradizione piemontese.
Rientro in hotel, cena  in ristorante attiguo, pernottamento in hotel

Giorno 2
Colazione in hotel, incontro con la guida e visita del Museo Egizio, l’unico con quello del Cairo, dedicato esclusivamente all’arte e alla cultura dell’Egitto antico. Molti studiosi di fama internazionale, a partire dal decifratore dei geroglifici egizi, Jean-François Champollion, che giunse a Torino nel 1824, si dedicano da allora allo studio delle sue collezioni, confermando così quanto scrisse Champollion: «La strada per Menfi e Tebe passa da Torino». Buon pranzo in ristorante. Eventuale tempo libero, ritiro bagagli in hotel e partenza

 LA QUOTA COMPRENDE:

  • 1 notte in ottimo hotel 3*centralissimo, stanze doppie con servizi, trattamento di HB, bevande incluse (Ristorante  non  interno, ma attiguo)
  • 1 pranzo bevande incluse (1/4 di vino e ½ di acqua)
  • Prenotazioni obbligatorie e a pagamento al Museo Egizio (euro 10,00 a gruppo)
  • Ingresso al Museo Egizio (euro 15,00) + auricolari obbligatori
  • Guida locale  abilitate per tutte  le visite in programma
  • Merenda Reale in caffè storico
  • Tassa di soggiorno comunale (euro 2,80)
  • Nostra assistenza
  • 1 free ogni 25 paganti

LA QUOTA NON COMPRENDE:          

  • Il treno
  • Le assicurazioni
  • Tutto ciò che non è menzionato nella “quota comprende”

QUOTA DI PARTECIPAZIONE   CON   HOTEL 3*** CENTRALISSIMO

Comodissimo alla stazione di Porta Nuova e per i giri a piedi

A partire da  EURO 158,00 A PERSONA IN CAMERA DOPPIA – SUPPLEMENTO SINGOLA : EURO 25,00 –  minimo  25 pax

brueghel_06_trappola-per-uccelli

Brueghel alla Reggia di Venaria

Una mostra  che vale la visita e se poi non avete mai visitato la Reggia, vi consigliamo il biglietto tutto incluso e trascorrerete una giornata alla scoperta di questa affascinante residenza.

“Brueghel. Capolavori dell’arte fiamminga” inaugurata il 21 Settembre resterà aperta fino al 19 Febbraio alla Reggia di Venaria.

“La mostra Brueghel. Capolavori dell’arte fiamminga celebra alla Reggia di Venaria la più importante congrega di artisti fiamminghi a cavallo tra il XVI e XVII secolo, coloro che sono stati interpreti dello splendore del Seicento e la cui dinastia è diventata marchio di eccellenza nell’arte pittorica. Le opere esposte ripercorrono la storia -lungo un orizzonte temporale di oltre 150 anni- di cinque generazioni attive tra il XVI e il XVII secolo analizzando la rivoluzione realista portata avanti dal geniale capostipite della famiglia Pieter Brughel il Vecchio, seguito dai figli Pieter Brueghel il Giovane – Di suo figlio Jan Brueghel il Giovane è esposta la bellissima versiRisultati immagini per brueghel venariaone delle Tre grazie realizzata nel 1635 insieme a Frans Wouters accanto a Natura morta con frutta e uccello esotico (1670) di Abraham (pronipote di Pieter Brughel il Vecchio, specializzato nelle nature morte) e accanto a opere di Marten van Cleve – tra i più attenti al lavoro del capostipite della famiglia- che realizza tra il 1558 e il 1560 la straordinaria serie di sei tavole del Matrimonio contadino attualizzando temi evangelici come quello della Parabola del buon pastore (1578).”

E poi da Novembre anche quest’anno Torino si illuminerà fino a Gennaio 2016 con le Luci d’Artista, presto maggiori dettagli.

Per la programmazione completa What’s on in Torino

Vi aspettiamo! Richiedeteci il vostro preventivo individuale o di gruppo su oneiros_viaggi@yahoo.it

Room escape

MISTERY WEEK END: mistero a Torino

Torino è una città elegante, regale, piena di fascino, ma anche il mistero a Torino è di casa e noi vogliamo condurvi a vivere la città a pieno, scoprendone la straordinaria ricchezza culturale, ma anche divertendosi tra i suoi misteri.

Mistery House Room Escape

Mistery House – Room Escape

Vi  consigliamo la visita di due dei suoi musei più celebri il Museo Egizio e il Museo del Cinema, una sosta in un locale storico per gustare un “bicerin” e poi noi vi portiamo a vivere la storia da protagonisti svelando il “Mistero del Faraone” o partecipando ad una Spy story; una stanza, un’ora per risolverne gli enigmi, una sfida con se stessi contro il tempo, un’esperienza divertente da condividere con i vostri amici/compagni di viaggio che renderà indimenticabile il vostro soggiorno a Torino.

Possibilità di inserire un tour serale “Torino Magica” il giovedì e il sabato sera.

Che cos’è un gioco di Room Escape?
Mystery House è un gioco di fuga, sarete chiusi in una stanza e avrete 60 minuti per uscirne, prima però dovrete risolvere il mistero che nasconde.

Prezzo
a partire da 85.00€ a persona   (secondo disponibilità e stagione )
Supplemento Tour “Torino Magica” € 22.00 a persona

La quota include:
1 notte in htl 3* o 4* semicentrale  sempre comodi al centro tramite metropolitana
Voucher per assaggio “Bicerin” al banco in locale storico del centro
1 esperienza Mistery House della durata di 1 ora

La quota non include
Tassa soggiorno o tutto ciò non specificato nella quota include

Salone del Libro 2016

Salone del libro: che cos’è per Voi?

Il Salone del Libro anche quest’anno si svolgerà dal 12 al 16 maggio presso i padiglioni del Lingotto Fiere e già si preannuncia un’edizione ricca, da tutto esaurito.
Non solo più libri, ma una kermesse legata anche alla musica, al cinema e al teatro; saranno tanti i visitatori che arriveranno da più parti e gli hotel vantano già tassi di occupazione importanti.

L’immagine che dà il titolo al Salone 2016 è Visioni, un’opera d’arte appositamente creata e donata al Salone da Mimmo Paladino e noi ci siamo chiesti quale sia la nostra personale Visione del Salone del Libro, dopo 29 edizioni e tanti cambiamenti.

Provo a raccontarvi la mia.
L’idea dal Salone nasce nel 1986 da due torinesi il libraio Angelo Pezzana e l’imprenditore Guido Accornero e con un rapido calcolo mentale scopro che avevo 17 anni e quindi frequentavo il liceo, proprio in quel momento la mia passione per la lettura era al massimo e ricordo con piacere che nei primi anni, amavo andare al Salone il sabato sera con “il mio ragazzo” (oggi mio marito). Era un evento che programmavo ed attendevo, giravamo tra gli stand e la possibilità di avere così tanta scelta possibile, tutta insieme, mi portava ad esaurire quasi sempre il mio budget.

Poi sono passati gli anni, gli interessi sono cambiati e ci sono stati gli anni in cui stavo studiando per preparare l’esame da Guida Turistica di Torino e quindi al salone gironzolavo ingorda di tutto ciò che riguardasse la storia dell’arte del Piemonte e della nostra città, a caccia di informazioni che non avessi ancora.
Poi alcuni anni in cui addirittura, non ci sono andata e la manifestazione mi è passata accanto senza lasciarmi emozioni.
Quest’anno sono passati 29 anni dalla prima volta e ci tornerò sicuramente!

Come l’anno scorso ci andrò una volta “per lavoro” invitata come Oneiros – Mondo in Valigia da Turismo Torino a raccontare qualcosa del nostro lavoro ai microfoni della web radio Electo Radio, perché ora il Salone è sempre “in diretta” via radio, televisione, internet!

E poi una sera ci andrò con marito e magari qualche amico a girovagare tra gli stand. Solo che ora non sono i più le grandi case editrici ad interessarmi, ma i piccoli editori, scoprire storie che non conoscevo, conoscere persone nuove e chissà, magari prendere qualche contatto che potrà essere utile per stabilire nuove relazioni e partnership che potranno essere utili per promuovere il lavoro di Oneiros e del Mondo in Valigia

Ecco come penso oggi al Salone del Libro: un’occasione d’incontro e nuove conoscenze, per una volta off-line! Per un giorno mi riprendo il piacere di avere la carta tra le mani, di sentire l’odore della stampa, di stringere mani!

Alessandra

Van Gogh Alive, mostra Torino

Van Gogh Alive – Torino

“Van Gogh Alive” è il titolo della mostra inaugurata venerdì 25 Marzo presso la Palazzina della Promotrice delle Belle Arti a Torino, nel Parco del Valentino. Dal 26 Marzo al 26 Giugno.

Noi eravamo presenti all’inaugurazione e bisogna dire che le aspettative erano tante, dell’evento, infatti, si era già parlato tanto e alla presentazione Vittorio Sgarbi ha introdotto lo spirito che ha portato alla realizzazione di una mostra così particolare, su un artista indubbiamente affascinante.

Preferiamo non influenzarvi con giudizi personali, perché lo spirito dell’iniziativa è proprio quello di trasmettere emozioni e far vivere a ciascun visitatore la “propria esperienza” di Van Gogh. Ogni mostra è sempre un’avventura personale, un viaggio che ci deve condurre a vivere la nostra interpretazione di quanto stiamo vedendo, ma questa volta non si tratta solo di “vedere”, ma anche di “vivere dentro le opere”.

Van Gogh Alive – mostra a Torino

Già, infatti, non aspettatevi alcuna opera originale dell’artista, ma grandi pannelli che vi circondano e sui quali sono proiettati alcuni dei lavori più celebri dell’artista, ingigantite e in movimento, dal generale al particolare, in un fluire intenso e continuo d’immagini. Avvolti dalle opere e condotti attraverso un corridoio con le riproduzioni e le relative spiegazioni, si entra a far parte del mondo dell’artista, delle sue emozioni e si è accompagnati a confrontarle con le nostre, vivendo una vera e propria esperienza.

“3.000 immagini ispiratrici, trasformando ogni superfi­cie in arte, pareti, colonne, e per­sino i pavimenti : il più grande piacere sta semplicemente nel godere, in piedi, dell’arte, ampliare i propri sensi verso onde di immagini e suoni, intensi e belli. Muoversi su di loro come in una danza…”

“Dulcis in fundo”, troviamo blocchi e matite!
Sulle pareti una matita si muove e disegna le opere, invitando i visitatori a fare lo stesso, noi, non tanto abili nel disegno, abbiamo annotato alcune sensazioni e idee che ci erano state trasmesse e che volevamo ricordare precisamente per poterle raccontare a chi ci chiederà informazioni.

Su tutte un’impressione è più viva delle altre: non è una mostra, è un’esperienza che ci invita a lasciarci alle spalle il mondo reale e a lasciarci avvolgere dalle vibrazioni forti dei colori e delle linee: qualcuno ha commentato dicendo che era divertente, altri che era educativa e Voi pensate di andare a vederla?