Archivio tag: Asti

IMG_3315

Langhe e Monferrato: Vino e bollicine d’autore

1 giorno: CANELLI
Partenza dai luoghi stabiliti. Arrivo nella zona di Asti per il pranzo a basi di piatti locali.
Nel pomeriggio proseguimento per la vicina  Canelli, patria delle bollicine. Visita alle prestigiose, solenni, soprattutto uniche cantine sotterranee, dichiarate dell’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”. Chilometri e chilometri di gallerie e sale che si snodano nelle viscere della collina tufacea su cui sorge il centro abitato, veri capolavori di ingegneria e architettura custodiscono gli spumanti a una temperatura costante di 12-14 gradi.  Assaggio di spumante della loro produzione  Al termine, passando dalle colline del “Barbaresco”, arrivo in hotel, sistemazione in camera, cena e pernottamento.

 2 giorno:  ITINERARIO NELLE LANGHE – TERRA DI CASTELLI E DI OTTIMI  VINI
Colazione in Hotel. Incontro con la guida
Partenza per una suggestivo percorso con panorami di dolci colline  tra castelli, antichi borghi e pregiati vigneti, sosta a  Barolo, che dà il nome all’omonimo vino e a La Morra  “il balcone panoramico”, per ammirare tutti i colori delle colline langarole.
Sosta in una cantina per l’assaggio di vini del territorio, siamo nella zona di vini pregiati e noti in tutto il mondo come il Dolcetto, il Barolo, il Barbaresco. Ottimo pranzo presso  agriturismo. Visita del Castello Cavour maestoso maniero risalente al XIII secolo, appartenuto al Conte e statista Benso che vi soggiornò a lungo e ne fece un centro di produzione di grandi vini. Oggi il castello ospita l’enoteca regionale del Piemonte.  Ore 20:00  cena e pernottamento.

 3 giorno ALBA
Colazione in Hotel. Incontro con la guida. Breve sosta a Pollenzo, con il suo colore caldo e rosato del cotto è un complesso architettonico di grande suggestione; uno degli esempi più validi di Gothic-revival attuati in Italia. Pollenzo è sede della nota Università di scienze Gastronomiche nata da un idea di Slow Food.
Proseguimento per Alba, visita guidata della città capitale delle Langhe, nota come “città dalle cento torri”.  Adagiata tra le ridenti colline che le fanno da anfiteatro, la città si estende intorno ad un suggestivo centro storico di struttura medioevale ricco di torri, caseforti e numerosi monumenti. Breve trasferimento nei pressi di  Alba  per il pranzo  in ristorante 

FINE SERVIZI

La quota comprende (quotazione minimo 25 partecipanti)

– 2 pernottamenti in buon  hotel 3* zona Langhe  comprensivi di colazione  e cene  (primo / secondo con contorno/ frutta o dessert – ¼ di vino e ½ di acqua) –  Parcheggio bus di fronte all’hotel
– 3 ottimi  pranzi  con menù tipici e bevande incluse  (antipasti/ primo / secondo con contorno/ dessert – ¼ di vino e ½ di acqua/ caffè)
– Guida abilitata per le seguenti visite: FD nelle Langhe, HD  Alba
-Sosta  in cantina con assaggio  durante l’escursione nelle langhe
-Ingresso alle cantine sotterranee di Canelli con degustazione e visita guidata tenuta  da personale interno
-Tassa di soggiorno comunale
-1 free ogni 25 paganti

La quota non comprende:

il bus per i trasporti
Le assicurazioni
tutto ciò non menzionato nella “quota comprende”
Ingresso al castello di Grinzane Cavour

 

 

Maranzana Alto Monferrato

Andar per vini e castelli in Monferrato!

Maranzana è un piccolo comune situato in Monferrato a cavallo tra le provincie di Asti ed Alessandria, ma amministrativamente collocato nella provincia di Asti, circondato dal verde delle vigne e dei boschi.

Il Monferrato, a differenza delle Langhe e del Roero ha un paesaggio, che pur dedicato all’agricoltura e alla coltivazione della vite, presenta ancora molte zone boschive, quindi si alternano campi coltivati, vigne e boschi in un paesaggio mai noioso e molto rilassante.

Su una sommità, al centro del paese, sorge l’antico castello risalente al 1300 che, pur avendo subito vari rimaneggiamenti, mantiene intatto l’imponente torre quadrata, il tracciato delle cortine e la bella torre angolare circolare.

Castello di Maranzana- Alto MonferratoL’Alto Monferrato si caratterizza proprio per le sue colline e i suoi castelli che dominano la pianura e propongono suggestivi paesaggi: dal castello di Maranzana si gode la vista della pianura fino ad Alessandria e l’occhio si perde verso le montagne intravedendo, nelle belle giornate limpide, la sagoma del Monviso, del Cervino e del Monte Rosa!

Un week end in questo territorio è all’insegna del relax e del gusto, siamo in un territorio di vini eccellenti e Maranzana ha una Cantina Sociale nata nel 1959 da un gruppo di intraprendenti viticoltori che depositano lì le loro uve e producono eccellenti vini bianchi e rossi.

Tra i rossi naturalmente, emerge il Barbera d’Asti DOCG con il suo colore rosso rubino e il profumo ricco e intenso. Carni rosse e formaggi dal sapore strutturato sono l’abbinamento naturale e non mancano mai nelle proposte dei ristoratori del territorio

Per i vini bianchi invece, ci troviamo nella zona del Cortese d.o.c. dal colore giallo paglierino e il profumo delicato, che ben si accompagna ai tipici antipasti piemontesi, ma anche ai piatti di pesce perché, non dimentichiamoci, queste zone non sono molto lontane dalla Liguria, di cui ogni tanto si percepisce il profumo salmastro del “vento marino”.

Visualizzate la nostra proposta per soggiornare in un castello !

Langhe

Tour dei tre vini: Gavi – Asti Spumante – Brachetto

Il Tour dei tre vini è dedicato a chi ama il buon cibo, il buon vino e la scoperta di terre meravigliose

1 giorno: Le terre del Gavi – Asti
Arrivo nelle Terre nel Gavi, pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita guidata al Forte di Gavi: maestosa costruzione situata nel paese omonimo e costruito per difendere la Via Postumia che collegava la Repubblica di Genova e il Basso Piemonte. Al termine sosta in cantina per degustare il “Gavi” o “Cortese di Gavi”, vino DOCG bianco che caratterizza la produzione vitivinicola di queste colline. Trasferimento ad Asti cena e pernottamento

2° giorno Asti / Canelli

Colazione in hotel, e poi mattinata dedicata alla scoperta di Asti, visita guidata della città.
Fino al XIII secolo Asti fu uno dei centri più ricchi del nord Italia in quanto centro strategico di scambi commerciali e bancari. La città sorge sulla riva sinistra del fiume Tanaro ed è inserita nelle colline della fiorente regione del Monferrato, famosa per le sue tradizioni enogastronomiche e le sue bellezze artistiche, ricca di molteplici testimonianze di arte romanica.
Ottimo pranzo in ristorante
Proseguimento per Canelli, patria delle bollicine. Visita alle prestigiose cantine sotterranee, sontuose, solenni, soprattutto uniche cantine di Canelli, tanto da essere state dichiarate dell’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”. Chilometri e chilometri di gallerie e sale che si snodano nelle viscere della collina tufacea su cui sorge il centro abitato, Veri capolavori di ingegneria e architettura custodiscono gli spumanti a una temperatura costante di 12-14 gradi. Degustazione in cantina

3° giorno : Acqui Terme 

Prima colazione in hotel e partenza verso Acqui Terme.
visita guidata della città di Acqui: città con origini romane, si trova sulla sponda sinistra del fiume Bormida e deve la sua fama alle sorgenti di acqua sulfurea che ne hanno fatto una città termale. Per questo motivo una tappa obbligata durante la visita alla città é in P.za della Bollente dove si trova l’edicola marmorea da cui sgorga acqua solfo-bromo-iodica a 75°C. Si prosegue poi con la scenografica salita che conduce al Duomo e con uno sguardo all’antico quartiere della “Pisterna” che da alcuni anni impegna il comune di Acqui in una grandiosa opera di recupero e restauro. Possibilità di inserire una degustazione di “Brachetto” vino DOCG originario del Monferrato dal sapore dolce, morbido e delicato.
OPPURE in alternativa si può effettuare la visita a Villa Ottolenghi progettato a partire dal 1920, è l’unico esempio in Italia di stretta collaborazione tra: architetti, pittori, scultori e mecenati per dare vita alla creazione di una dimora padronale caratterizzata dalla presenza di importanti opere d’arte. Il giardino, progettato nel secolo scorso da Pietro Porcinai, celebre architetto del paesaggio, è stato insignito del prestigioso “European garden Award”, premio che va all’operazione di recupero e rilancio della Dimora storica condotta negli ultimi anni
Ottimo pranzo in Agriturismo sulle colline acquesi.
FINE SERVIZI

Langhe

Le città del gusto: Asti, Alba e Canelli

Visitare le Langhe e il Roero significa perdersi tra le colline, gustare ottimi piatti e concedersi un calice di Barolo: “il re dei vini”!

1° Giorno: ASTI
arrivo ad Asti ed eventuale pranzo in ristorante.
Nel pomeriggio visita guidata della cittadina conosciuta in tutto il mondo per i suoi vini, in particolare l’Asti spumante e peri il suo Palio storico. Numerose sono le torri, le case-forti, le chiese, le domus e palazzi. Di rilevante interesse la Cattedrale di Santa Maria Assunta, considerata la più importante cattedrale gotica del Piemonte e la Collegiata di San Secondo, dove sono custodite le reliquie del Santo Patrono.
Proseguimento per Alba, cena in hotel e pernottamento.

2° Giorno: ALBA e LE LANGHE DEL BAROLO

Colazione in Hotel. Visita guidata della città di Alba, capitale delle Langhe, nota come “città dalle cento torri”.  Adagiata tra le ridenti colline che le fanno da anfiteatro, la città si estende intorno ad un suggestivo centro storico di struttura medioevale ricco di torri, caseforti e numerosi monumenti romanico-gotici. Sosta in cantina per la degustazione e in un torronificio
Pranzo in agriturismo Agnolotti del Plin - Langhe

Nel pomeriggio visita al castello di Grinzane Cavour, visita guidata di Castello Cavour, maestoso maniero risalente al XIII secolo, appartenuto al Conte e statista Benso che vi soggiornò a lungo e ne fece un centro di produzione di grandi vini. Oggi il castello ospita l’enoteca regionale del Piemonte.
Continuazione con una suggestiva panoramica sulle colline: da Barolo, a La Morra, conosciuta come “il balcone sulle langhe” con sosta a Pollenzo, sede della nota Università di scienze Gastronomiche nata da un idea di Slow Food.
Cena libera e pernottamento in hotel

3° Giorno: CANELLI

Dopo la prima colazione partenza per Canelli, nel Monferrato. Visita alle prestigiose “Cantine sotterranee” che fanno parte delle sontuose, solenni, soprattutto uniche cantine di Canelli, tanto da essere state dichiarate dell’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”, chilometri e chilometri di gallerie e sale che si snodano nelle viscere della collina tufacea su cui sorge il centro abitato. Veri capolavori di ingegneria e architettura custodiscono gli spumanti a una temperatura costante di 12-14 gradi

Conoscete il Barolo? scopritelo con noi!

tartufo-e-vino

Tartufi, vino e bollicine nelle colline delle Langhe.

1 GIORNO: Le Langhe di Barolo /Cherasco

Arrivo nelle Langhe, incontro con la guida, proseguimento per Grinzane Cavour (8 km da Alba) e visita guidata di Castello Cavour, maestoso maniero risalente al XIII secolo, appartenuto al Conte e statista Benso che vi soggiornò a lungo e ne fece un centro di produzione di grandi vini. Oggi il castello ospita l’enoteca regionale del Piemonte.
Al termine ottimo pranzo in agriturismo o ristorante.

Sosta in cantina per la degustazione dell’ottimo vino locale. Continuazione con una suggestiva panoramica sulle colline: da Serralunga, a Barolo, a La Morra, conosciuta come “il balcone sulle langhe”.
Arrivo a Cherasco, Passeggiare per il centro storico è certamente molto suggestivo per il patrimonio di storia, arte e architettura conservato in questo piccolo borgo. Sotto gli antichi portici si possono ancora trovare botteghe con insegne in ferro che propongono quadri, mobili e oggetti di antiquariato di pregiata fattura e notevole valore artistico. Oltre alle belle chiese, la cittadina conserva palazzi di grande valore.
Al termine trasferimento in hotel, sistemazione nelle camere riservate, cena e pernottamento.

2 GIORNO:  Alba e Canelli: le Cantine Sotterranee

Dopo la colazione partenza per Alba, notissima cittadina tra le colline delle Langhe di cui è il capoluogo. Visita dell’antico centro storico con le sue numerose torri e del duomo di San Lorenzo.
Pranzo in ristorante
Proseguimento per Canelli, patria delle bollicine. Visita alle prestigiose cantine sotterranee, sontuose, solenni, soprattutto uniche cantine di Canelli, tanto da essere state dichiarate dell’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”. Chilometri e chilometri di gallerie e sale che si snodano nelle viscere della collina tufacea su cui sorge il centro abitato, Veri capolavori di ingegneria e architettura custodiscono gli spumanti a una temperatura costante di 12-14 gradi. Degustazione in cantina