Valle d'Aosta

I MILLE SAPORI DELLA VALLE D’AOSTA

La Valle d’Aosta è molto conosciuta come meta invernale per le tante attività sportive che può proporre, ma può essere anche una valida proposta per un breve viaggio culturale o un soggiorno estivo.

Risultati immagini per valle d'aosta

1° giorno:  Forte di Bard – Castello di Issogne

Arrivo nei pressi di Bard e pranzo a base di specialità locali. Nel pomeriggio visita guidata del Forte di Bard, pressoché intatto dal momento della sua costruzione e uno dei migliori esempi di fortezza di sbarramento di primo Ottocento. Tempo a disposizione per la visita libera del suo “Museo delle Alpi”, un avvincente percorso multimediale nell’Universo Montagna.Segue una passeggiata nel borgo di Bard, un tipico villaggio di attraversamento nato lungo la strada romana.Esso si presenta oggi nel suo assetto urbano medievale e conserva pregevoli edifici residenziali del XV-XVI secolo e l’atmosfera è magica. Proseguimento con la visita guidata del Castello di Issogne. Dentro al quadrilatero di questa grandiosa costruzione che riflette il gusto in voga tra Gotico e Rinascimento, dove tutto parla della famiglia Challant, a sorprendere il visitatore sono in particolare il cortile con la fontana del melograno, gli affreschi raffiguranti scene di vita e costumi del Quattrocento e i paesaggi con scene di caccia della sala.
In serata arrivo ad Aosta. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento

2° giorno:  Aosta/Fenis / Cogne/Parco Nazionale del Gran Paradiso/Aosta

Prima colazione a buffet. Partenza per la visita guidata del Castello di Fénis, splendido e significativo esempio di architettura medioevale. L’idea di fortificazione viene interpretata da una pittoresca e scenografica struttura a pianta trapezoidale con doppia cinta muraria, torri e torricelle, merlature e L’atmosfera del Trecento contrassegna ogni ambiente dal cortile alle sale di rappresentanza. Di particolare pregio un ciclo di affreschi che decora un loggiato cinquecentesco e lo straordinario panorama offerto dal belvedere di una torre. Segue un aperitivo insolito con una degustazione di grappe valdostane. Al termine, partenza per Cogne, chiamata la Valnontey, la “Porta” del Parco Nazionale del Gran Paradiso, uno dei paesi più caratteristici di tutta la Valle ’d’Aosta. Arrivo e pranzo in ristorante con menu tipico Segue la visita della Maison Gérard-Dayné, un’antica casa rurale del XVII secolo, uno dei maggiori esempi dell’architettura tradizionale valdostana, e un percorso panoramico con soste fotografiche e bellissimi paesaggi. Visita al Ponte-acquedotto di Pondel che, con i suoi 2,30 metri di larghezza,  50 di lunghezza e 14,20 di luce dell’arco, è una delle maggiori opere di ingegneria civile realizzate dai Romani nell’arco alpino. Segue l’interessante sosta di un “atelier” di maestri artigiani per una dimostrazione sulla lavorazione del legno, caratteristica e antica attività della Valle. Rientro ad Aosta, cena e pernottamento in hotel.

 3° giorno: Courmayeur/Monte Bianco /Aosta

Prima colazione a buffet. Partenza in direzione di Courmayeur, salita (facoltativa) in funivia al Rifugio Torino (3375 m. di altitudine), per un panoramica mozzafiato sull’intera catena del Monte Bianco, chiamata l’ottava meraviglia del mondo. Per molti il Bianco è semplicemente la montagna più alta d’Europa con i suoi 4810 metri ma, in realtà, è anche molto di più: primati, sfide, storia della montagna, straordinaria natura. A Courmayeur tempo a disposizione per una passeggiata nella rinomata via Roma o una visita al notissimo Museo delle guide. Pranzo tipico valdostano in ristorante. Nel pomeriggio visita guidata della città di Aosta, l’antica Augusta Praetoria , fondata nel 25 a.C., che è circondata da una cinta rettangolare di mura romane e conserva ancora oggi un severo aspetto medievale: l’Arco di Augusto, monumento simbolo della città, la Porta Praetoria, una delle porte meglio conservate del mondo romano, il teatro romano, la cui caratteristica principale è data dall’ampia e monumentale facciata alta 22 metri, e la Collegiata di Sant’Orso che, con il suo prezioso chiostro romanico, considerata tra le testimonianze di maggior rilevo della storia dell’arte sacra in Valle d’Aosta,  il criptoportico. Cena e pernottamento in hotel.

4° giorno: Aosta/Gressoney – Fine servizi

Prima colazione  a buffet. Da Aosta si scende allo storico crocevia di Pont Saint Martin da dove si comincia a risalire la valle del Lys, o di Gressoney, punteggiata di villaggi dai quali un tempo migravano verso la pianura frotte di venditori ambulanti. Sono minuscoli abitati che spesso nascondono insospettati patrimoni d’arte: è il caso di Issime che nella cinquecentesca chiesa di San Giacomo e nell’annesso Museo Parrocchiale, custodisce autentici capolavori di scultura lignea. Proseguendo fino a quasi 1400 metri d’altitudine si arriva a Gressoney Saint Jean, affermata stazione turistica ai piedi del Monte Rosa, che deve la sua fortuna alla regina Margherita: a lei che per anni venne quassù a trascorrere le vacanze estive, si deve la costruzione del castello Savoia, ultimo regalo del marito Umberto I.
Visita guidata e pranzo in ristorante.

 

La quota comprenderà:
3  pernottamenti in ottimo hotel 3* in stile tipico valdostano con trattamento di HB
Parcheggio bus riservato davanti hotel
Colazione a buffet (dolce e salato –  con pane, dolci, marmellate fatte in casa)
Cena con 4 portate (antipasto/ primo, secondo con contorno e dessert)
WiFi gratuito in tutta la struttura
Bevande sempre incluse (1/4 di vino e 1/4 di acqua)
Pranzi come da programma
Visite guidate come da programma
1 free ogni 25 paganti in doppia

La quota non comprenderà
Tassa di soggiorno
Biglietti di ingresso
Funivia per il Monte Bianco  (http://www.montebianco.com/tariffe.php)
Tutto quanto non espressamente indicato nella quota comprende
Gli extra di carattere personale e le mance