Archivio della categoria: LANGHE e ROERO

yoga in vigna

YOGA tra VIGNETI e VINO – mini gruppi

Abbinamento tra yoga e vino! Vi proponiamo di regalarvi un giorno di coccole per il corpo e il palato, in un’azienda agricola langarola dove le parole d’ordine sono sostenibilità e rispetto dell’ambiente: “tutto è orientato per poter lasciare in eredità ai figli una terra sana e generosa, capace di produrre tra i più grandi e famosi vini al mondo, come il Barolo.”

Si inizia con un’ora di relax-yoga immersi nelle vigne e circondati dai panorami mozzafiato delle Langhe. Si prosegue con una visita alle cantine dove la storia antica dei vigneti che vi circondano verranno raccontati con cura e passione. La vita dell’azienda e la spiegazione dei processi produttivi (l’azienda è certificata biologica con “prove” in vigneto verso il biodinamico”) vi entusiasmerà fino alla degustazione dei vini prodotti (accompagnati da grissini – possibilità di degustazioni verticali di Barolo) il cui sapore vi testimonierà il livello raggiunto.
Per completare l’esperienza si potrà gustare un buon tagliere di formaggi e salumi – oppure personalizzare la visita con un corso di cucina o uno Show Cooking a cura di uno Chef professionista.

Viene fornito il materiale necessario per l’attività: tappetino, acqua, asciugamani.

Dati tecnici – Yoga tra vigneti e vino

Durata totale 2,5 ore circa
Minimo partecipanti 4 Massimo partecipanti 8 persone
Costo a partire da 55 euro a persona
Bambini fino a 12 anni gratuito
Note: richiesto abbigliamento comodo; in caso di condizioni meteo non ottimali, l’attività può svolgersi in cantina

Langhe

Tour dei tre vini: Gavi – Asti Spumante – Brachetto

Il Tour dei tre vini è dedicato a chi ama il buon cibo, il buon vino e la scoperta di terre meravigliose

1 giorno: Le terre del Gavi – Asti
Arrivo nelle Terre nel Gavi, pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita guidata al Forte di Gavi: maestosa costruzione situata nel paese omonimo e costruito per difendere la Via Postumia che collegava la Repubblica di Genova e il Basso Piemonte. Al termine sosta in cantina per degustare il “Gavi” o “Cortese di Gavi”, vino DOCG bianco che caratterizza la produzione vitivinicola di queste colline. Trasferimento ad Asti cena e pernottamento

2° giorno Asti / Canelli

Colazione in hotel, e poi mattinata dedicata alla scoperta di Asti, visita guidata della città.
Fino al XIII secolo Asti fu uno dei centri più ricchi del nord Italia in quanto centro strategico di scambi commerciali e bancari. La città sorge sulla riva sinistra del fiume Tanaro ed è inserita nelle colline della fiorente regione del Monferrato, famosa per le sue tradizioni enogastronomiche e le sue bellezze artistiche, ricca di molteplici testimonianze di arte romanica.
Ottimo pranzo in ristorante
Proseguimento per Canelli, patria delle bollicine. Visita alle prestigiose cantine sotterranee, sontuose, solenni, soprattutto uniche cantine di Canelli, tanto da essere state dichiarate dell’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”. Chilometri e chilometri di gallerie e sale che si snodano nelle viscere della collina tufacea su cui sorge il centro abitato, Veri capolavori di ingegneria e architettura custodiscono gli spumanti a una temperatura costante di 12-14 gradi. Degustazione in cantina

3° giorno : Acqui Terme 

Prima colazione in hotel e partenza verso Acqui Terme.
visita guidata della città di Acqui: città con origini romane, si trova sulla sponda sinistra del fiume Bormida e deve la sua fama alle sorgenti di acqua sulfurea che ne hanno fatto una città termale. Per questo motivo una tappa obbligata durante la visita alla città é in P.za della Bollente dove si trova l’edicola marmorea da cui sgorga acqua solfo-bromo-iodica a 75°C. Si prosegue poi con la scenografica salita che conduce al Duomo e con uno sguardo all’antico quartiere della “Pisterna” che da alcuni anni impegna il comune di Acqui in una grandiosa opera di recupero e restauro. Possibilità di inserire una degustazione di “Brachetto” vino DOCG originario del Monferrato dal sapore dolce, morbido e delicato.
OPPURE in alternativa si può effettuare la visita a Villa Ottolenghi progettato a partire dal 1920, è l’unico esempio in Italia di stretta collaborazione tra: architetti, pittori, scultori e mecenati per dare vita alla creazione di una dimora padronale caratterizzata dalla presenza di importanti opere d’arte. Il giardino, progettato nel secolo scorso da Pietro Porcinai, celebre architetto del paesaggio, è stato insignito del prestigioso “European garden Award”, premio che va all’operazione di recupero e rilancio della Dimora storica condotta negli ultimi anni
Ottimo pranzo in Agriturismo sulle colline acquesi.
FINE SERVIZI

Langhe

Le città del gusto: Asti, Alba e Canelli

Visitare le Langhe e il Roero significa perdersi tra le colline, gustare ottimi piatti e concedersi un calice di Barolo: “il re dei vini”!

1° Giorno: ASTI
arrivo ad Asti ed eventuale pranzo in ristorante.
Nel pomeriggio visita guidata della cittadina conosciuta in tutto il mondo per i suoi vini, in particolare l’Asti spumante e peri il suo Palio storico. Numerose sono le torri, le case-forti, le chiese, le domus e palazzi. Di rilevante interesse la Cattedrale di Santa Maria Assunta, considerata la più importante cattedrale gotica del Piemonte e la Collegiata di San Secondo, dove sono custodite le reliquie del Santo Patrono.
Proseguimento per Alba, cena in hotel e pernottamento.

2° Giorno: ALBA e LE LANGHE DEL BAROLO

Colazione in Hotel. Visita guidata della città di Alba, capitale delle Langhe, nota come “città dalle cento torri”.  Adagiata tra le ridenti colline che le fanno da anfiteatro, la città si estende intorno ad un suggestivo centro storico di struttura medioevale ricco di torri, caseforti e numerosi monumenti romanico-gotici. Sosta in cantina per la degustazione e in un torronificio
Pranzo in agriturismo Agnolotti del Plin - Langhe

Nel pomeriggio visita al castello di Grinzane Cavour, visita guidata di Castello Cavour, maestoso maniero risalente al XIII secolo, appartenuto al Conte e statista Benso che vi soggiornò a lungo e ne fece un centro di produzione di grandi vini. Oggi il castello ospita l’enoteca regionale del Piemonte.
Continuazione con una suggestiva panoramica sulle colline: da Barolo, a La Morra, conosciuta come “il balcone sulle langhe” con sosta a Pollenzo, sede della nota Università di scienze Gastronomiche nata da un idea di Slow Food.
Cena libera e pernottamento in hotel

3° Giorno: CANELLI

Dopo la prima colazione partenza per Canelli, nel Monferrato. Visita alle prestigiose “Cantine sotterranee” che fanno parte delle sontuose, solenni, soprattutto uniche cantine di Canelli, tanto da essere state dichiarate dell’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”, chilometri e chilometri di gallerie e sale che si snodano nelle viscere della collina tufacea su cui sorge il centro abitato. Veri capolavori di ingegneria e architettura custodiscono gli spumanti a una temperatura costante di 12-14 gradi

Conoscete il Barolo? scopritelo con noi!

tartufo-e-vino

Tartufi, vino e bollicine nelle colline delle Langhe.

1 GIORNO: Le Langhe di Barolo /Cherasco

Arrivo nelle Langhe, incontro con la guida, proseguimento per Grinzane Cavour (8 km da Alba) e visita guidata di Castello Cavour, maestoso maniero risalente al XIII secolo, appartenuto al Conte e statista Benso che vi soggiornò a lungo e ne fece un centro di produzione di grandi vini. Oggi il castello ospita l’enoteca regionale del Piemonte.
Al termine ottimo pranzo in agriturismo o ristorante.

Sosta in cantina per la degustazione dell’ottimo vino locale. Continuazione con una suggestiva panoramica sulle colline: da Serralunga, a Barolo, a La Morra, conosciuta come “il balcone sulle langhe”.
Arrivo a Cherasco, Passeggiare per il centro storico è certamente molto suggestivo per il patrimonio di storia, arte e architettura conservato in questo piccolo borgo. Sotto gli antichi portici si possono ancora trovare botteghe con insegne in ferro che propongono quadri, mobili e oggetti di antiquariato di pregiata fattura e notevole valore artistico. Oltre alle belle chiese, la cittadina conserva palazzi di grande valore.
Al termine trasferimento in hotel, sistemazione nelle camere riservate, cena e pernottamento.

2 GIORNO:  Alba e Canelli: le Cantine Sotterranee

Dopo la colazione partenza per Alba, notissima cittadina tra le colline delle Langhe di cui è il capoluogo. Visita dell’antico centro storico con le sue numerose torri e del duomo di San Lorenzo.
Pranzo in ristorante
Proseguimento per Canelli, patria delle bollicine. Visita alle prestigiose cantine sotterranee, sontuose, solenni, soprattutto uniche cantine di Canelli, tanto da essere state dichiarate dell’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”. Chilometri e chilometri di gallerie e sale che si snodano nelle viscere della collina tufacea su cui sorge il centro abitato, Veri capolavori di ingegneria e architettura custodiscono gli spumanti a una temperatura costante di 12-14 gradi. Degustazione in cantina

Langhe

Weekend nelle Langhe

Proposta A:

ALBA E ASTI, LE GRANDI CAPITALI DEL VINO
2gg/1 notte 

1° giorno: ALBA/ PANORAMICA SULLE LANGHE

Arrivo ad Alba intorno alle 9:30 / 10:00
Visita guidata della città di Alba, capitale enogastronomica di altissimo livello,  nota per i suoi vini di qualità, per le nocciole e i rari tartufi bianchi
Pranzo in ristorante o agriturismo  con ricco menù langarolo.
Sosta  in una cantina per la degustazione e in laboratorio artigianale di torrone.
Proseguimento per il “balcone panoramico” de La Morra, per ammirare tutti i colori delle colline langarole e visita ad un castello.
Cena e pernottamento in hotel

2° giorno:  ASTI E ACQUI TERME

Partenza per Asti, passeggiata nella splendida cittadine medioevale per scoprirne tutti gli angoli nascosti. Asti  è conosciuta in tutto il mondo per i suoi vini, in particolare l’Asti spumante.
Pranzo in ristorante con ricco menù monferrino
Trasferimento ad Acqui Terme, antica città romana famosa per le sue terme, ancora oggi denominata la “bollente”

POSSIBILITA’ DI ESTENSIONE CON SOGGIORNO TERMALE IN HOTEL CON CENTRO BENESSERE E COLLEGAMENTO DIRETTO AGLI STABILIMENTI TERMALI DELLE “REGIE TERME”

Proposta B:

ALBA E LE LANGHE DEL ROERO
2gg/1 notte

1° giorno: ALBA/CASTELLO DI CAVOUR
Visita guidata della città di Alba, capitale enogastronomica di altissimo livello,  nota per i suoi vini di qualità, per le nocciole e i rari tartufi bianchi
Pranzo in ristorante o agriturismo  con ricco menù langarolo.
Sosta in un torronificio e in una cantina per la degustazione.
Partenza per Grinzane Cavour con visita guidata di Castello Cavour, maestoso maniero risalente al XIII secolo, appartenuto al Conte e statista Benso che vi soggiornò a lungo e ne fece un centro di produzione di grandi vini. Oggi il castello ospita l’enoteca regionale del Piemonte.
Proseguimento per il “balcone panoramico” de La Morra, per ammirare tutti i colori delle colline langarole
Cena e pernottamento in hotel

2° giorno:  LE LANGHE DEL ROERO
Dopo la colazione partenza per Neive inserita tra i “Borghi più belli d’Italia” con le caratteristiche strade in mattoni e le stradine anguste, Treiso e Murazzano
Pranzo in ristorante
Proseguimento delle visite
FINE SERVIZI

 Proposta C:

ALBA E BRA .. IL ROERO E LE  LANGHE
2gg/1 notte

1° giorno: ALBA E LE LANGHE
Visita guidata della città di Alba, capitale enogastronomica di altissimo livello,  nota per i suoi vini di qualità, per le nocciole e i rari tartufi bianchi
Pranzo in ristorante o agriturismo  con ricco menù langarolo.
Nel pomeriggio visita ad una cantina per la degustazione di vini, e proseguimento verso le zone più caratteristiche delle Langhe con visita del castello di Grinzane Cavour, maestoso maniero risalente al XIII secolo, appartenuto al Conte e statista Benso che vi soggiornò a lungo e ne fece un centro di produzione di grandi vini. Oggi il castello ospita l’enoteca regionale del Piemonte.
Trasferimento ih hotel per la cena e pernottamento

2° giorno: CHERASCO/MARENE/BRA
Visita di Cherasco, la capitale gastronomica della lumaca. Proseguimento per  Pollenzo  sede della nota Università di scienze Gastronomiche nata da un idea di Slow Food.
Ottimo pranzo in ristorante a Marene 
Passeggiata a Marene e proseguimento per  Bra che, per la ricchezza dei suoi monumenti, è uno dei centri di maggiore pregio del “Barocco piemontese”. Bra è anche, per la sua collocazione, al centro delle food valley di Langa e Roero, divenendo di conseguenza uno dei centri di maggiore importanza per l’enogastronomia della regione.

FINE SERVIZI