Archivio della categoria: Dedicato ai viaggi di gruppo

Miro'

MIRO’ sogno e colore a Torino

La mostra Miro’! Sogno e colore, è ospitata a Torino all’interno delle splendide sale di Palazzo Chiablese
La mostra presenta la produzione degli ultimi trent’anni della vita di Miro’, un periodo indissolubilmente legato alla “sua” isola, Maiorca, dove, negli anni Sessanta e Settanta, si dedica a temi prediletti come donne, uccelli e paesaggi monocromi. Saranno esposti anche i lavori degli ultimi anni della sua produzione, quelli della pittura materica, fatti con le dita e dal colore steso con i pugni spalmando gli impasti su compensato, cartone e materiali di riciclo.

 Proposta valida nei week – end  dal 4 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018. Per GRUPPI

1° giorno : TORINO centro storico …
Arrivo a Torino, Incontro con la guida e visita del centro storico: l’elegante Via Roma, la scenografica Piazza San Carlo, la risorgimentale p.za Carignano e la storica piazza Castello. Al termine tempo a disposizione per gustare,  il celebre bicerin in uno dei famosi caffè storici della città dove “si fece l’Italia”. Trasferimento in hotel, sistemazione nelle camere riservate. Cena  e pernottamento in hotel

2° giorno : visita alla mostra MIRO’! Sogno e Colore
Colazione in hotel. Trasferimento  a Palazzo Chiablese per la visita guidata alla mostra MIRO’! Sogno e Colore. Pranzo in ristorante centrale

FINE SERVIZI

 La quota comprende:

1 pernottamento in hotel 3* centrale/ 4* periferico  con colazione a buffet e cena (nei 3* in ristorante attiguo)
Visita guidata del centro storico di Torino
Visita guidata della mostra
Pranzo in ristorante
Bevande incluse (1/4 di vino – ½ di acqua)
Prenotazioni obbligatorie
Organizzazione tecnica Il Mondo in Valigia

La quota non comprende
Tutto quanto non espressamente indicato nella quota comprende
Ingresso alla mostra
Tassa di soggiorno

Quota di partecipazione – NETTA AGENZIA
da richiedere inviando mail a oneiros_viaggi@yahoo.it

 

Luci d'Artista

NATALE CON I FIOCCHI

TORINO: UN NATALE REALE
Proposta valida dal 01 al 10 Dicembre 2017

Scaricate il programma

Torino, i mercatini nella coreografica scenografia della Palazzina di Caccia di Stupinigi, il centro storico illuminato e perché no, un caldo “bicerin” a fine giornata!

1° giorno : TORINO centro storico

Arrivo a Torino
Nel primo pomeriggio incontro con la guida e visita del centro storico: Piazza Castello, cuore della città,  con gli splendidi e storici palazzi che si affacciano – da Palazzo Madama a Palazzo Reale;  visita della barocca chiesa di San Lorenzo.
Proseguimento verso la scenografica piazza San Carlo con le sue chiese “gemelle” e i luoghi del Risorgimento Italiano.
Al calar della sera la città sarà illuminata dalle luci natalizie che la renderanno ancora più bella ed elegante. Sistemazione nelle camere riservate, cena e pernottamento in hotel

2° giorno : Palazzina di Caccia di Venaria e la casa di Babbo Natale  

Dopo la colazione brevissimo trasferimento alla Palazzina di Caccia di Stupinigi: residenza Sabauda per la Caccia e le Feste edificata a partire dal 1729 su progetto di Filippo Juvarra. la Palazzina di Caccia di Stupinigi è uno dei gioielli monumentali di Torino, sontuosa e raffinata dimora prediletta dai Savoia per feste e matrimoni durante i secc. XVIII e XIX, nonché residenza prescelta da Napoleone nei primi anni dell’800, agli inizi del XX secolo è scelta come residenza dalla Regina Margherita, e dal 1919 è anche sede del Museo dell’Arredamento.

Dopo la visita tempo per “curiosare” tra i mercatini natalizi allestiti per l’occasione, divertirsi all’interno dell’Area Lego, visitare il presepe in pietra e… incontrare Babbo Natale nella sua casa ”reale”

Per finire un buon pranzo presso la Corte del Gusto, all’interno del cortile dell’Elefante

Rientro verso i luoghi  di provenienza

 

La quota comprende:

1 pernottamento in hotel 3* centrale con trattamento di mezza pensione – bevande incluse;
1 pranzo presso la Corte del Gusto (antipasto/ primo/ secondo con contorno/ dessert/ acqua e calice di vino);
Visite guidate come da programma (pomeriggio primo giorno + mattino secondo giorno);
Visita guidata del centro storico di Torino;
Visita guidata della Palazzina di Caccia
Ingresso alla Palazzina

1 free ogni 25 paganti in doppia

 La quota non comprende

Tutto quanto non espressamente indicato nella quota comprende:
Tassa di soggiorno

 

Quota di partecipazione
A partire da euro 135,00 a persona  in doppia   (in base alla disponibilità hotel)
Supplemento singola  25,00  euro a notte a persona

Con hotel 4* a qualche km dal centro

A partire da euro 120,00 a persona  in doppia   (in base alla disponibilità hotel)
Supplemento singola  23,00  euro a notte a persona

 Possibilità di prolungare il soggiorno includendo i suggestivi mercatini di Aosta

yoga in vigna

YOGA tra VIGNETI e VINO – mini gruppi

Abbinamento tra yoga e vino! Vi proponiamo di regalarvi un giorno di coccole per il corpo e il palato, in un’azienda agricola langarola dove le parole d’ordine sono sostenibilità e rispetto dell’ambiente: “tutto è orientato per poter lasciare in eredità ai figli una terra sana e generosa, capace di produrre tra i più grandi e famosi vini al mondo, come il Barolo.”

Si inizia con un’ora di relax-yoga immersi nelle vigne e circondati dai panorami mozzafiato delle Langhe. Si prosegue con una visita alle cantine dove la storia antica dei vigneti che vi circondano verranno raccontati con cura e passione. La vita dell’azienda e la spiegazione dei processi produttivi (l’azienda è certificata biologica con “prove” in vigneto verso il biodinamico”) vi entusiasmerà fino alla degustazione dei vini prodotti (accompagnati da grissini – possibilità di degustazioni verticali di Barolo) il cui sapore vi testimonierà il livello raggiunto.
Per completare l’esperienza si potrà gustare un buon tagliere di formaggi e salumi – oppure personalizzare la visita con un corso di cucina o uno Show Cooking a cura di uno Chef professionista.

Viene fornito il materiale necessario per l’attività: tappetino, acqua, asciugamani.

Dati tecnici – Yoga tra vigneti e vino

Durata totale 2,5 ore circa
Minimo partecipanti 4 Massimo partecipanti 8 persone
Costo a partire da 55 euro a persona
Bambini fino a 12 anni gratuito
Note: richiesto abbigliamento comodo; in caso di condizioni meteo non ottimali, l’attività può svolgersi in cantina

Valle d'Aosta

I MILLE SAPORI DELLA VALLE D’AOSTA

La Valle d’Aosta è molto conosciuta come meta invernale per le tante attività sportive che può proporre, ma può essere anche una valida proposta per un breve viaggio culturale o un soggiorno estivo.

Risultati immagini per valle d'aosta

1° giorno:  Forte di Bard – Castello di Issogne

Arrivo nei pressi di Bard e pranzo a base di specialità locali. Nel pomeriggio visita guidata del Forte di Bard, pressoché intatto dal momento della sua costruzione e uno dei migliori esempi di fortezza di sbarramento di primo Ottocento. Tempo a disposizione per la visita libera del suo “Museo delle Alpi”, un avvincente percorso multimediale nell’Universo Montagna.Segue una passeggiata nel borgo di Bard, un tipico villaggio di attraversamento nato lungo la strada romana.Esso si presenta oggi nel suo assetto urbano medievale e conserva pregevoli edifici residenziali del XV-XVI secolo e l’atmosfera è magica. Proseguimento con la visita guidata del Castello di Issogne. Dentro al quadrilatero di questa grandiosa costruzione che riflette il gusto in voga tra Gotico e Rinascimento, dove tutto parla della famiglia Challant, a sorprendere il visitatore sono in particolare il cortile con la fontana del melograno, gli affreschi raffiguranti scene di vita e costumi del Quattrocento e i paesaggi con scene di caccia della sala.
In serata arrivo ad Aosta. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento

2° giorno:  Aosta/Fenis / Cogne/Parco Nazionale del Gran Paradiso/Aosta

Prima colazione a buffet. Partenza per la visita guidata del Castello di Fénis, splendido e significativo esempio di architettura medioevale. L’idea di fortificazione viene interpretata da una pittoresca e scenografica struttura a pianta trapezoidale con doppia cinta muraria, torri e torricelle, merlature e L’atmosfera del Trecento contrassegna ogni ambiente dal cortile alle sale di rappresentanza. Di particolare pregio un ciclo di affreschi che decora un loggiato cinquecentesco e lo straordinario panorama offerto dal belvedere di una torre. Segue un aperitivo insolito con una degustazione di grappe valdostane. Al termine, partenza per Cogne, chiamata la Valnontey, la “Porta” del Parco Nazionale del Gran Paradiso, uno dei paesi più caratteristici di tutta la Valle ’d’Aosta. Arrivo e pranzo in ristorante con menu tipico Segue la visita della Maison Gérard-Dayné, un’antica casa rurale del XVII secolo, uno dei maggiori esempi dell’architettura tradizionale valdostana, e un percorso panoramico con soste fotografiche e bellissimi paesaggi. Visita al Ponte-acquedotto di Pondel che, con i suoi 2,30 metri di larghezza,  50 di lunghezza e 14,20 di luce dell’arco, è una delle maggiori opere di ingegneria civile realizzate dai Romani nell’arco alpino. Segue l’interessante sosta di un “atelier” di maestri artigiani per una dimostrazione sulla lavorazione del legno, caratteristica e antica attività della Valle. Rientro ad Aosta, cena e pernottamento in hotel.

 3° giorno: Courmayeur/Monte Bianco /Aosta

Prima colazione a buffet. Partenza in direzione di Courmayeur, salita (facoltativa) in funivia al Rifugio Torino (3375 m. di altitudine), per un panoramica mozzafiato sull’intera catena del Monte Bianco, chiamata l’ottava meraviglia del mondo. Per molti il Bianco è semplicemente la montagna più alta d’Europa con i suoi 4810 metri ma, in realtà, è anche molto di più: primati, sfide, storia della montagna, straordinaria natura. A Courmayeur tempo a disposizione per una passeggiata nella rinomata via Roma o una visita al notissimo Museo delle guide. Pranzo tipico valdostano in ristorante. Nel pomeriggio visita guidata della città di Aosta, l’antica Augusta Praetoria , fondata nel 25 a.C., che è circondata da una cinta rettangolare di mura romane e conserva ancora oggi un severo aspetto medievale: l’Arco di Augusto, monumento simbolo della città, la Porta Praetoria, una delle porte meglio conservate del mondo romano, il teatro romano, la cui caratteristica principale è data dall’ampia e monumentale facciata alta 22 metri, e la Collegiata di Sant’Orso che, con il suo prezioso chiostro romanico, considerata tra le testimonianze di maggior rilevo della storia dell’arte sacra in Valle d’Aosta,  il criptoportico. Cena e pernottamento in hotel.

4° giorno: Aosta/Gressoney – Fine servizi

Prima colazione  a buffet. Da Aosta si scende allo storico crocevia di Pont Saint Martin da dove si comincia a risalire la valle del Lys, o di Gressoney, punteggiata di villaggi dai quali un tempo migravano verso la pianura frotte di venditori ambulanti. Sono minuscoli abitati che spesso nascondono insospettati patrimoni d’arte: è il caso di Issime che nella cinquecentesca chiesa di San Giacomo e nell’annesso Museo Parrocchiale, custodisce autentici capolavori di scultura lignea. Proseguendo fino a quasi 1400 metri d’altitudine si arriva a Gressoney Saint Jean, affermata stazione turistica ai piedi del Monte Rosa, che deve la sua fortuna alla regina Margherita: a lei che per anni venne quassù a trascorrere le vacanze estive, si deve la costruzione del castello Savoia, ultimo regalo del marito Umberto I.
Visita guidata e pranzo in ristorante.

 

La quota comprenderà:
3  pernottamenti in ottimo hotel 3* in stile tipico valdostano con trattamento di HB
Parcheggio bus riservato davanti hotel
Colazione a buffet (dolce e salato –  con pane, dolci, marmellate fatte in casa)
Cena con 4 portate (antipasto/ primo, secondo con contorno e dessert)
WiFi gratuito in tutta la struttura
Bevande sempre incluse (1/4 di vino e 1/4 di acqua)
Pranzi come da programma
Visite guidate come da programma
1 free ogni 25 paganti in doppia

La quota non comprenderà
Tassa di soggiorno
Biglietti di ingresso
Funivia per il Monte Bianco  (http://www.montebianco.com/tariffe.php)
Tutto quanto non espressamente indicato nella quota comprende
Gli extra di carattere personale e le mance

Forte di Gavi
Ministero dei Beni Culturali

TRA PIEMONTE e LIGURIA UN MONDO DA SCOPRIRE

Tra Piemonte e Liguria un mondo di sapori, cultura e tradizioni da scoprire: le dolci colline del Gavi, dove si produce il noto vino bianco docg, il Forte addossato alle colline dove Alpi ed Appennini si fondono e poi la pianura con Novi Ligure, con le strade di Coppi e Girardengo, il cioccolato e tanto altro da scoprire e gustare.

1 giorno: Serravalle Scrivia (scavi di Libarna) – Alessandria
Arrivo e brunch presso una focacceria dove sarà possibile assaggiare la tipica focaccia bianca novese, gli amaretti e un buon bicchiere di Gavi Docg (oppure pranzo in ristorante a Novi Ligure). A seguire trasferimento presso l’antica Libarna, uno dei più importanti siti archeologici del Piemonte dove si potranno ammirare, ancora ben distinguibili, le tracce dell’antico insediamento pre-romano e romano; particolarmente degni di nota i resti di due isolati (una domus conserva un grandioso mosaico), del teatro e dell’anfiteatro. Un centro con connotazione di transito e commerciale lungo la via che collegava Genova ad Aquileia che ha conservato, oltre ai resti di alcune costruzioni, anche un’interessante collezione di reperti rinvenuti durante gli scavi, esposti nell’area museale di Libarna. Al termine trasferimento ad Alessandria cena e pernottamento.

2 giorno: Gavi e Voltaggio
Dopo la prima colazione partenza per Gavi per la visita all’omonimo Forte. (attenzione breve tratto a piedi in salita per raggiungerlo) La fortezza sorge su una rocca naturale a strapiombo sul borgo antico di Gavi, lungo la via Postumia che nell’antichità collegava la Repubblica di Genova al Basso Piemonte (Monferrato) e alla Lombardia e rappresenta un raro e pregevole esempio di architettura militare. Al termine pranzo in ristorante
Nel primo pomeriggio trasferimento a Voltaggio dove sarà possibile ammirare la collezione di opere d’arte sacra della pinacoteca, custodita nella Chiesa e nel Convento Cappuccino del piccolo paese. La Pinacoteca dei Cappuccini di Voltaggio offre una collezione di primissimo piano, opere che vanno dal XV al XVIII secolo di autori liguri, piemontesi e lombardi. Al termine si prosegue la scoperta dei sapori di questa terra al confine tra Piemonte e Liguria con la visita ad una storica panetteria/pasticceria dove si assaggeranno gli amaretti appena sfornati. Durante il ritorno ad Alessandria sosta e visita alla BODRATO cioccolato; si visiterà, così, una delle fabbriche di eccellenza artigiana dove, oltre a capire come viene lavorato il pregiato cioccolato ed i suoi golosi prodotti, si avrà la possibilità di fare acquisti.

3 giorno: Novi Ligure – Tagliolo Monferrato
Dopo la prima colazione trasferimento a Novi Ligure per una passeggiata nel centro storico che saprà darvi emozioni inaspettate: il fascino di questa cittadina, sospesa tra Piemonte e Liguria, vi stupirà con le nobili facciate dipinte delle dimore storiche della nobiltà genovese e  l’apertura in esclusiva del suggestivo Oratorio della Confraternita della Maddalena che vi mostrerà un insieme di tradizione e cultura. Al termine trasferimento al Castello di Tagliolo Monferrato per la visita al Castello e alle cantine e una degustazione di vino Gavi Docg accompagnata da focaccia e salumi.

FINE SERVIZI

LA QUOTA COMPRENDE:

– 2 notti in hotel 4* ad Alessandria, trattamento di mezza pensione, bevande incluse.
– Posto bus riservato
– brunch all’arrivo del gruppo, bevande incluse
– pranzo in ristorante il secondo giorno, bevande incluse
– degustazione in castello, bevande incluse
– Visite guidate come da programma : scavi di Libarna, FD secondo giorno, visita di Novi Ligure e del castello
-Ingressi inclusi
– 1 free ogni 25 paganti

 

Langhe

Tour dei tre vini: Gavi – Asti Spumante – Brachetto

Il Tour dei tre vini è dedicato a chi ama il buon cibo, il buon vino e la scoperta di terre meravigliose

1 giorno: Le terre del Gavi – Asti
Arrivo nelle Terre nel Gavi, pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita guidata al Forte di Gavi: maestosa costruzione situata nel paese omonimo e costruito per difendere la Via Postumia che collegava la Repubblica di Genova e il Basso Piemonte. Al termine sosta in cantina per degustare il “Gavi” o “Cortese di Gavi”, vino DOCG bianco che caratterizza la produzione vitivinicola di queste colline. Trasferimento ad Asti cena e pernottamento

2° giorno Asti / Canelli

Colazione in hotel, e poi mattinata dedicata alla scoperta di Asti, visita guidata della città.
Fino al XIII secolo Asti fu uno dei centri più ricchi del nord Italia in quanto centro strategico di scambi commerciali e bancari. La città sorge sulla riva sinistra del fiume Tanaro ed è inserita nelle colline della fiorente regione del Monferrato, famosa per le sue tradizioni enogastronomiche e le sue bellezze artistiche, ricca di molteplici testimonianze di arte romanica.
Ottimo pranzo in ristorante
Proseguimento per Canelli, patria delle bollicine. Visita alle prestigiose cantine sotterranee, sontuose, solenni, soprattutto uniche cantine di Canelli, tanto da essere state dichiarate dell’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”. Chilometri e chilometri di gallerie e sale che si snodano nelle viscere della collina tufacea su cui sorge il centro abitato, Veri capolavori di ingegneria e architettura custodiscono gli spumanti a una temperatura costante di 12-14 gradi. Degustazione in cantina

3° giorno : Acqui Terme 

Prima colazione in hotel e partenza verso Acqui Terme.
visita guidata della città di Acqui: città con origini romane, si trova sulla sponda sinistra del fiume Bormida e deve la sua fama alle sorgenti di acqua sulfurea che ne hanno fatto una città termale. Per questo motivo una tappa obbligata durante la visita alla città é in P.za della Bollente dove si trova l’edicola marmorea da cui sgorga acqua solfo-bromo-iodica a 75°C. Si prosegue poi con la scenografica salita che conduce al Duomo e con uno sguardo all’antico quartiere della “Pisterna” che da alcuni anni impegna il comune di Acqui in una grandiosa opera di recupero e restauro. Possibilità di inserire una degustazione di “Brachetto” vino DOCG originario del Monferrato dal sapore dolce, morbido e delicato.
OPPURE in alternativa si può effettuare la visita a Villa Ottolenghi progettato a partire dal 1920, è l’unico esempio in Italia di stretta collaborazione tra: architetti, pittori, scultori e mecenati per dare vita alla creazione di una dimora padronale caratterizzata dalla presenza di importanti opere d’arte. Il giardino, progettato nel secolo scorso da Pietro Porcinai, celebre architetto del paesaggio, è stato insignito del prestigioso “European garden Award”, premio che va all’operazione di recupero e rilancio della Dimora storica condotta negli ultimi anni
Ottimo pranzo in Agriturismo sulle colline acquesi.
FINE SERVIZI